La realtà virtuale per vincere l’ansia del dentista

Scritto da

realta virtuale odontoiatriaSoffri di ansia del dentista? Hai paura di affrontare una visita odontoiatrica e le successive cure dentali? La paura del dentista e l’ansia che si prova soltanto al pensiero di dover prendere un appuntamento colpiscono una grande percentuale di pazienti.

Ansia, preoccupazione per il dolore che si proverà, ma anche per le condizioni dei propri denti, la conseguente vergogna per la propria situazione dentale, il pensiero della sofferenza durante le cure, mentre si è seduti sulla poltrona odontoiatrica impotenti: tutto questo blocca il paziente, che a lungo andare vedrà la sua situazione dentale peggiorare sempre più.

Oggi ti voglio parlare di un moderno sistema ideato per eliminare l’ansia del dentista: la realtà virtuale.

In che modo la realtà virtuale ti fa vincere l’ansia del dentista?

Ansia, paura e preoccupazione possono manifestarsi in molti modi nei pazienti:

  • la paura del dolore
  • La paura del trapano odontoiatrico
  • il terrore di perdere il controllo e cadere nel panico
  • l’ansia per lo stesso ambiente medico
  • l’afefobia, la paura di essere toccati dal dentista
  • l’ansia scatenata dall’odore dei farmaci e dei disinfettanti
  • la paura di sentirsi dire la verità sulle condizioni dei propri denti

Come puoi capire, ogni paziente reagisce a modo suo. Oggi, grazie alla tecnologia avanzata e alle nuove scoperte in campo medico e odontoiatrico, siamo in grado di far vincere quest’ansia ai pazienti e di farli sottoporre alle cure dentale senza più alcun pensiero.

In che modo?

  • Contenuti rilassanti: mentre siedi sulla poltrona odontoiatrica, il dentista seleziona dei contenuti – in genere filmati e musica – che renderanno l’ambiente pieno di comfort e piacevole.
  • Immersione totale: la tua attenzione è del tutto concentrata sugli stimoli che ricevi dallo schermo VR (virtual reality), quindi non vedi cosa sta facendo il dentista, ma qualcosa di divertente, di rilassante. Il dentista potrà svolgere così il suo lavoro in tutta tranquillità e senza distrazioni.

In breve: il paziente si troverà in una realtà fatta di serenità e in luoghi meravigliosi, ascoltando musica e sfuggendo, in questo modo, a una situazione stressante, fatta di ansia, irrequietezza e paura.

Come funziona la realtà virtuale in odontoiatria

La realtà virtuale in odontoiatria combina distrazione e comfort per il paziente. Mentre la TV o il semplice ascolto di musica non riescono ad allontanare completamente il paziente dallo studio dentistico, con la realtà virtuale il paziente sarà virtualmente altrove: l’intero studio odontoiatrico scomparirà, per lasciare il posto ad altri luoghi, seppur virtuali, irreali, ma in quel momento reali per chi li sta vivendo.

Tutto ciò di cui si ha bisogno è un piccolo sistema VR, portatile e wireless, che il paziente indossa come se fosse una sorta di occhiali, anzi è più simile a una maschera da sci.

Controllare l’ansia del dentista con la realtà virtuale

La realtà virtuale non è una specie di anestesia. La sedazione cosciente e l’anestesia locale (o anche generale) sono comunque applicate al paziente in funzione dell’intervento odontoiatrico da svolgere e della gravità del problema.

La realtà virtuale è una forma di controllo dell’ansia. Il paziente sa che sarà sedato durante le cure dentali – nessun dentista procede a una devitalizzazione o a un’estrazione o inserirà un impianto dentale senza alcuna anestesia – ma questo non è sufficiente: l’ansia del dentista è talmente forte da azzerare tutto il resto.

In fondo il paziente è appena entrato nello studio dentistico, che somiglia a una piccola sala operatoria, deve sedersi alla poltrona odontoiatrica, con tutti quegli strumenti – trapani compresi! – vicino, sente il caratteristico odore proveniente dalle varie sostanze usate nei prodotti o nella pulizia dell’attrezzatura…

Il paziente è appena entrato, insomma, in un ambiente che avverte come nemico, pericoloso, come il presagio del dolore che proverà, e questo basta per farlo precipitare in un’ansia senza scampo.

È qui che interviene la realtà virtuale: cancella dal paziente l’ambiente visto come negativo, sostituendolo, per tutta la durata della cura, con un ambiente positivo, fatto di scene, immagini, suoni e rumori piacevoli, naturali, come quelli cui siamo abituati in una vacanza da sogno.

Ultima modifica il Martedì, 17 Settembre 2019 07:21